Scrivere un libro: 3 motivi per farlo e come guadagnarci soldi


Circa un italiano su 3 sogna di scrivere un libro. Se sei qui, probabilmente anche tu ci hai pensato qualche volta nella vita.

Ma molti rimandano l’idea perché non sanno se dedicare tanto lavoro alla scrittura di un libro sia la cosa più giusta da fare per loro oggi.

Io ho scritto diversi libri come ghostwriter per imprenditori e politici. Ne ho scritti anche un paio per me ed ho un contratto decennale con Mondadori.

Dalla mia esperienza posso dirti che scrivere un libro oggi è la cosa più saggia che tu possa fare, qualsiasi lavoro tu svolga.

Ognuno di noi ha i suoi motivi per scrivere un libro: il piacere di condividere una storia – magari la propria -, di condividere la propria conoscenza, le proprie idee.

Ma a volte questi motivi non bastano per iniziare. Sembrano più legati ad un hobby che alla propria carriera e crescita economica.

Ti elenco quindi i 3 motivi che ti daranno la giusta spinta per iniziare a mettere nero su bianco le tue idee, nel tuo libro, soprattutto se sei interessato a dare una spinta alla tua carriera professionale.

3 motivi per scrivere un libro

  1. Scrivere un libro ti posiziona come autorità del tuo settore

Il fatto che tu scriva un libro su in argomento ti pone agli occhi degli spettatori come un esperto del tuo argomento.

Questo perché se hai così tanto da dire su un tema, allora devi per forza essere un esperto, dato che sai molte cose al riguardo.

Inoltre siamo abituati da sempre ad identificare come esperto di un settore l’autore di un libro su quel tema.

Una volta non esisteva l’autopubblicazione su Amazon. Se scrivevi un libro era perché una casa editrice ti aveva selezionato come uno dei maggiori esperti dell’argomento di cui saresti andato a scrivere.

Il fatti che tu scrivessi un libro era la prova che eri un vero esperto.

Oggi, anche se tutti possono autopubblicarsi gratis un libro, l’associazione autore = esperto scatta lo stesso nella mente di chi guarda.

Quindi scrivere un libro ti dà prestigio e contribuisce alla costruzione del tuo personal brand: fattore fondamentale oggi per fare carriera, avere più clienti o prendere più voti alle elezioni.

  1. Scrivere un libro aumenta le tue P.R.

La scrittura di un libro ti crea molte occasioni di visibilità gratuita. Sia sui media: ospitate televisive, in radio, interviste e recensioni sui giornali. Sia dal vivo: eventi e discorsi durante conferenze sul tema che hai trattato nel tuo libro.

Autopubblicando un libro nel modo giusto riceverai molti inviti, durante i quali potrai far conoscere le tue idee, i tuoi servizi o prodotti e le tue competenze. Tutta pubblicità gratuita.

Se all’inizio non sarai invitato, potrai proporti tu stesso per primo. Un conto è presentarsi con una mail come “esperto” di un settore – per esempio per partecipare ad una conferenza -, un altro è presentarsi come “autore di un libro sul tema”.

Ti assicuro per esperienza che è tutta un’altra cosa. Gli organizzatori di eventi sanno che un autore ha un fascino ed una credibilità superiori rispetto ad un comune (sedicente) esperto.

Veniamo al terzo motivo per iniziare a scrivere il tuo libro:

3. Scrivendo un libro si guadagnano molti soldi.

Forse sarai stupito da questa affermazione. Oggi in pochi comprano libri, e comunque la percentuale sul prezzo che l’autore prende è minima. Solo i grandi autori fanno molti soldi coi libri.

Non è affatto vero.

Io e i miei clienti abbiamo guadagnato molto dai nostri libri, senza che essi siano finiti necessariamente sugli scaffali delle grandi librerie dei centri commerciali ed avendo venduto solo qualche centinaio di copie.

Il vero guadagno nella pubblicazione di un libro non sta nelle vendite, ma nei guadagni laterali.

Cosa intendo? Te lo spiego subito.

Come guadagnare soldi scrivendo un libro

Il miglior modo per guadare dall’autopubblicazione del tuo libro è quello di usare il tuo libro come strumento pubblicitario per vendere più consulenze, servizi o prodotti.

Ma come farlo in modo elegante, affinché il tuo sia un vero e proprio libro e non una brochure pubblicitaria?

Sarebbe di cattivo gusto far pagare una pubblicità giusto?

Non devi mai fare questo errore. Non devi mai vendere in modo diretto all’interno del tuo libro.

Devi farlo in modo elegante. Se nel tuo lavoro offri un prodotto, racconta delle storie nel tuo libro che siano esperienze o testimonianze dell’efficacia di ciò che offri.

Per esempio se sei un formatore, puoi raccontare che dopo aver fatto un tuo corso sullo stesso tema di cui parli nel libro, una coppia è riuscita a salvare il proprio rapporto e a raggiungere gli obiettivi professionali che si era prefissata. Entrando nel dettaglio delle sfide superate e delle emozioni passate.

In questo modo tutti sapranno che, oltre a scrivere libri, offri anche corsi.

Ti andranno a cercare su internet, troveranno i tuoi contatti e si informeranno su come partecipare.

Hai notato l’inizio di questo stesso post? Senza neanche accorgermene, ho detto che le strategie che ti sto insegnando vengono dalla mia esperienza come ghostwriter.

Ora sai, in modo implicito (quindi senza fare vendita diretta) che offro anche il servizio di scrittura di libri per conto terzi, quindi se non avessi tempo per scrivere il tuo libro potresti delegare il compito a me (però costa molto, quindi se hai voglia di scrivere da solo il tuo libro continua a leggere e troverai la soluzione per farlo senza stress, in un solo mese).

Grazie al mio libro “Il Manuale del Candidato” dove insegno come fare una campagna elettorale efficace, ho ricevuto molte richieste di consulenza per seguire campagne in tutta Italia.

Il motivo è semplice: nel libro davo insegnamenti che in molti casi vengono dalla mia esperienza di consulente in comunicazione. E questo era specificato nel libro. A decine di politici e candidati in tutta italia è bastato digitare il mio nome su Google per finire sul sito in cui ti trovi ora. Da lì, mi hanno contattato.

In questo modo ho venduto molte consulenze ben remunerate. Tutto grazie ad un ebook, autoprodotto, che ho dato perlopiù gratuitamente su Amazon.

Questo vale anche nel caso dei romanzi.

Nell’introduzione o nelle note finali a cura dell’autore (di te stesso quindi) potrai informare chi legge del fatto che la tua storia è disponibile per adattamenti di vario tipo (tv, teatro, collane, gadget ecc).

Questi sono 3 motivi per cui dovresti iniziare immediatamente a scrivere un libro.

A questo punto molti mi dicono: ok, sono convinto, vorrei scriverlo il mio libro ma non so come fare.

Anche tu hai paura di non saper come fare per scrivere un bel libro, che le persone abbiano voglia di leggere?

In tal caso, ti do una grande notizia: ho registrato un videocorso in cui ti spiego passo passo come fare per scrivere nel modo migliore il tuo libro, in soli 30 giorni e senza stress!

Illustro le tecniche nel dettaglio e molte persone che lo hanno fatto hanno lasciato delle recensioni entusiastiche come puoi leggere tu stesso cliccando qui.

Inoltre, per te che sei sul mio sito, c’è anche uno sconto del 50%!

Ti basterà scrivere il codice sconto: specialelibro50 nel momento del pagamento.

Scopri di più andando sulla pagina del mio videocorso “Come scrivere un libro in 30 Giorni e farlo diventare bestseller su Amazon”.


2 pensieri su “Scrivere un libro: 3 motivi per farlo e come guadagnarci soldi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *